martedì 1 giugno 2010

Frittura di gamberi e calamari e per i gourmet è lutto!


Il corriere.it:

Diventerà quasi impossibile pescare seppie, calamaretti e telline

                             Frittura di paranza addio, il nuovo regolamento Ue la renderà introvabile

                 Le regole per la pesca nel Mediterraneo dal 1° giugno: reti a maglie più larghe e barche più lontane dalla costa.
 
Ora, non sto qui a discutere questo nuovo regolamento dell'unione europea. In effetti a questo mondo siamo un pò troppi e bisogna pur salvaguardare il nostro patrimonio marino.
Per i gourmet è un colpo basso e anche per la sottoscritta che ama qualsiasi frutto di mare. Per non parlare della piccola pesca che è assolutamente da tutelare.
Non so cosa succederà. Omaggio alla notizia del giorno con un fritto di gamberi e calamari  (almeno questi ce li lasciano, no?) che ho preparato svariato tempo fa e che poi non ho mai pubblicato perchè secondo me "troppo semplice" per proporvelo.
Io l'adoro, e voi?
---
 
Ingredienti x 4 persone
800 g di gamberi
5 calamari già puliti
farina
olio di semi di arachide
sale
---
 
Preparazione
Sciacquate i pesci sotto acqua corrente e tagliate ad anelli i calamari.
Preparare una ciotola con abbondante farina.
Infarinate i gamberi (non sgusciati!!) e gli anelli di calamaro.
Eliminate l'eccesso di farina e tuffateli in abbondante olio a temperatura, fino a doratura.
Scolate su carta assorbente, salate e servite.
 
NB. Dopo la prima infarinata, i gamberi e i calamari si possono bagnare in una ciotola di acqua per poi essere infarinati nuovamente. Io preferisco fare questa operazione solo per i pesci grandi!  

22 commenti:

  1. wow che sfiziosa questa frittura!

    RispondiElimina
  2. Di sicuro è una decisione che nei termini in cui è stata presa fa discutere!
    Io non amo moltissimo il fritto ma alla frittura di pesce proprio non so resistere ^_^ Buonissimaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  3. Io l'ho presa malissimo.. adoro quei "pescetti" là... :-( uffina ma che dobbiamo fare??? pazienza.. Mi gusto il tuo piatto virtuale!!!smackkk

    RispondiElimina
  4. utile il trucchetto della doppia infarinatura, non ne ero a conoscenza

    RispondiElimina
  5. Ottima questa frittura: perfetta così croccantina e calda!!
    azz, non sapevamo di queste nuove regole, am qui ci si rimette eccome!!
    baci baci

    RispondiElimina
  6. non conoscevo il trucchetto della doppia infarinatura...uhmm davvero buono!!baci

    RispondiElimina
  7. Non è poi così semplice come pottrebbe sembrare.Per fare una buona frittura bisogna essere molto abili e conoscere diversi trucchetti,come tu ci dimostri!!!la temperatura dell'olio e la sua qualità,i tempi di cottura,vanno calcolati molto bene,bravissima !!!dalla tua foto viene fuori una frittura croccante e leggera,bravissima!sarebbe un guaio per la nostra cucina non poter più avere a disposizione il pesce che hai citato...certo capisco anche l'esigenza di proteggere la fauna marina....sarà molto rimpianto,questo sì!ti auguro una felice giornata

    RispondiElimina
  8. Il profumo della frittura di pesce freschissimo è incredibile, ma è buono , ho letto per la pesca...chissà !

    RispondiElimina
  9. Che buona quesat frittura, che dire...godiamocela finche' dura! Che bello il nuovo banner, foto stupenda, brava Roby!

    RispondiElimina
  10. Cosa dire? Non è facile rispondere...concordo con Fede...la decisione farà molto discutere!
    La frittura è uno di quelle portate alle quali è difficile rimunciare...sei stata bravissima
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  11. Addio frittura ma chissà come va a finire!!
    Intanto godiamoci la tua!!
    Bacio

    RispondiElimina
  12. ho letto anch'io la notizia :((
    ottima al tua però :-P
    baci cara.

    RispondiElimina
  13. l'adoro anch'io, mi dispiacerà non poterla mangiare, ma trovo che sia giusto prendere comunque delle misure per limitare la deriva della biodiversità del pianeta!

    RispondiElimina
  14. Guarda, mi sembra di sentirne il profumo sin qui...ed ammetto che quando ho sentito la notizia in tv mi è preso un colpo!!!

    RispondiElimina
  15. la comunità europea non sa cosa dice...una bestemmia
    la frittura è poesia!

    RispondiElimina
  16. Une recette savoureuse comme je les aime.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  17. Meglio che non ci penso se no mi vine na rabbia!!!
    mi sa che sti piattini saran ben rari!!!
    che voglia ora!!!

    RispondiElimina
  18. Peccato essersi ridotti così!!!!Proprio il giorno di questa decisione, al mare, c'era un vecchietto che, con il suo retino pescava le arselle!!!!Bene, ogni volta che lo tirava su, ne prendeva 1 o 2 di arselline......ai miei tempi, ne facevamo a secchiellate!!!!Piano piano sparisce tutto!!!!Siamo dei "dementi"!!!Ritorno a trovarti, mi è piaciuto il tuo blog. Buona giornata deny

    RispondiElimina
  19. Molto invitante la tua frittura, grazie per la dritta. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  20. guarda, anche io sono combattuta fra il rendermi conto che in qualche modo bisogna tutelare il nostro patrimonio ittico e il dispiacere di non poter più gustare alcuni piatti!
    sicuramente non comprero' pescetti provenienti da chissà dove, questo è certo!
    la frittura ha bisogno di commenti?? a chi non piace??!!

    RispondiElimina
  21. Credevo non fosse già stato preso il provvedimento...ho i miei dubbi che venga tutto eliminato all'istante,ci vorrà del tempo!
    A presto!

    RispondiElimina
  22. La speranza è che le legge sia applicata per tutti, comprese le flotte extra-europee che setacciano il Mediterraneo ... non solo i pescherecci libici ma anche quelli giapponesi o quelli delle multinazonali del surgelato che possono cambiare bandiera a seconda delle convenienze legali e fiscali...
    Comunque mi sa che anche i calamaretti ce li possiamo scordare ...
    Vorrà dire che metterò sulla credenza la foto del tuo fritto finchè non torneranno tempi migliori ... e comunque complimenti, un aspetto davvero invitante!

    RispondiElimina